Archive

Novembre 2021

Browsing

Una nota, nella notazione musicale, è un segno grafico usato per rappresentare un suono. I nomi delle note, come li conosciamo noi, hanno a che fare con San Giovanni Battista! Fu Guido d’Arezzo a notare come ogni versetto di un inno dedicato al santo corrispondeva a una diversa tonalità e nel dodicesimo secolo cominciò ad utilizzarne le iniziali per definire il nome delle note.  Ecco l’inno in latino. (DO) UT queant laxis / REsonare fibris / MIra gestorum / FAmuli…

Andando via di là, il Signore Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.

Seguire Gesù è talmente imprevedibile e indescrivibile che si può solo decidere “a prescindere”.
dL

La prima nota da prendere è quella di merito. Quando ci si mette in coro il “maestro” dà la nota di partenza: da lì nasce l’armonia. Occorre fare l’esercizio di obbedire a questa nota sicura da cui nasceranno, come da una sorgente, tutte le altre. Così nel nostro Avvento! “Cercate di capire ciò che è gradito al Signore”. Ecco la nota di partenza! A guardare bene è proprio una nota di merito. Una nota che racconta ciò che è lodevole…