Archive

Maggio 2021

Browsing

Roberta era una giovane che ha partecipato a “Giovani e Missione”. Lei aveva scelto, ma poi… è stato il Signore a sceglierla! E così: ecco la lettera di suor Roberta! Il senso della mia presenza? Essere balsamo per le ferite di questi poveri. Voglio trasmettere loro la tenerezza di Dio, che io per prima ho vissuto. Da piccola non avrei mai immaginato di diventare suora. Sentivo di voler fare qualcosa per gli altri, e per questo ho scelto di studiare…

In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo…

La “predestinazione” non è che alcuni hanno in tasca il biglietto vincente e altri no. È che siamo tutti figli da sempre!
dL

Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

Un distacco che riempie di gioia!!!
dL

Uomini, voi sapete che da questa attività proviene il nostro benessere…

È comprensibile che toccare gli interessi sia un problema. Il guaio capita quando si usa la divinità per difendere i propri interessi. Anzi, addirittura gli interessi generati dal culto della divinità!
dL

Ma, poiché alcuni si ostinavano e si rifiutavano di credere, dicendo male in pubblico di questa Via, si allontanò da loro, separò i discepoli e continuò a discutere ogni giorno nella scuola di Tiranno. Questo durò per due anni, e così tutti gli abitanti della provincia d’Asia, Giudei e Greci, poterono ascoltare la parola del Signore.

Mal che vada, va sempre bene!
dL

Chi è il testimone? Ecco come ce lo racconta un giovane che ha fatto un’esperienza missionaria. Ciao a tutti! Mi chiamo Luca, ho 29 anni e sono andato a Ecapetec, una città vicino a Città del Messico, grazie al cammino di “Giovani e Missione”. Lì per la prima volta nella mia vita ho scoperto cosa vuol dire essere testimone, cosa può fare la fede in Gesù. Mi sono chiesto cosa volesse significare la parola testimone, così ho fatto una ricerca…

Qui trovò un Giudeo di nome Aquila, nativo del Ponto, arrivato poco prima dall’Italia, con la moglie Priscilla, in seguito all’ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i Giudei. Paolo si recò da loro e, poiché erano del medesimo mestiere, si stabilì in casa loro e lavorava. Di mestiere, infatti, erano fabbricanti di tende.

Con tutto il mondo a cui annunciare il vangelo… ci si può fermare a fabbricare tende!
dL